Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

italiano

Home/ La Costiera Amalfitana/Marmorata (Ravello)

Frazione costiera di Ravello, compresa tra i comuni di Minori ed Atrani, Marmorata è affacciata direttamente sul mare ed è circondata da rigogliosi limoneti, vigneti e macchia mediterranea. Il toponimo, secondo alcuni, potrebbe derivare dal mormorio di una cascata situata in una profonda insenatura.
La leggenda vuole che i possedimenti della nobile famiglia ravellese dei Rufolo giungessero fino a Marmorata, collocata proprio perpendicolarmente all'omonima villa e che, durante i loro banchetti, per dimostrare ai propri ospiti la loro ricchezza, fossero soliti lanciare i piatti giù nel dirupo (salvo poi recuperarli in un secondo momento).
Sin dall'anno Mille, inoltre, si ha notizia di un piccolo mulino che sfruttava le acque di un vicino torrente; trasformato in cartiera nel XV secolo, rimase in funzione fino agli anni '80 del secolo scorso, quando l'edificio fu adibito a struttura ricettiva.
Le rocce a strapiombo sul mare furono il basamento ideale per la costruzione di alcune torri di avvistamento, facenti parte del complesso sistema difensivo costiero, ideato in epoca vicereale, per difendere le popolazioni dalle frequenti scorrerie piratesche. Tra queste la meglio conservata è la c.d. Torre dello Scarpariello, presso la quale soggiornarono personalità del calibro di Jacqueline Kennedy, Greta Garbo, Umberto II di Savoia e Stokpawsky.

Marmorata (Ravello)

Social

La pagina web di questo paese è stata visitata 10.656 volte.

Scegli la lingua

italiano

english