Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

italianoitaliano

Home/ La Costiera Amalfitana/Positano/Moda Positano

Amalfi Coast Accommodation Villas, Positano Accommodation, Exclusive Villas on the Amalfi Coast, Luxury Appartments in Positano, Quality Accommodation in Praiano Hotel Olimpico Salerno, litoranea di Pontecagnano. Hotel strategico a pochi passi dalle luci d'artista di Salerno, Costiera Amalfitana, Costiera Cilentana. Albergo con piscina. Amalfi Vacation exclusive apartments on the Amalfi Coast
Exclusive apartments in Minori, Luxury Villas with Swimming pool in Ravello, Amalfi quality Residece with pool, Villas and Apartments in Amalfi Coast Villa Principessa Swimming Pool, Sea Access, Amalficoast exclusive location Hotel Marina Riviera 4 Stars Luxury Hotels Amalficoast Villas on the Amalficoast, Positano Villas, Amalfi Villas, Ravello Villas, Villas in Praiano, Amalfi Coast Accommodation Villas Rental and Luxury Appartment Private car on the Amalfi Coast - transfers and excursions - Airtport and Train Stations - Campania South Italy

Moda Positano

Moda Positano realizzata in Costiera Amalfitana

Il grande John Ruskin, pittore inglese dell'Ottocento caposcuola del movimento "Arts and Craft", tracciò nel suo diario di viaggio in Italia una fitta serie di brevi, densissimi appunti. Il 7 marzo 1847 sosta a Positano - annotava: "Folle di contadini vanno su e giù per la valle - belli nei lineamenti e nell'ossatura - impudenti, comunque e le donne sfacciate. Una ragazza sorridente di quattordici o quindici anni, il più fine viso che io abbia visto in Italia - una perfetta ninfa del mare. Abito peculiare: un fazzoletto obliquo sul petto, vivace nel colore, corsetto aperto, sottane corte e grandi sandali ai piedi."

L'artista si meravigliò dunque del fatto che da queste parti le donne non camminassero con gli occhi a terra, che sorridessero ai forestieri, che, alla pari degli uomini di qui, avessero quella allure sicura e sfacciata, da gente di mare abituata alle incursioni piratesche, ad affrontare le tempeste della natura e dell'esistenza guardando dritti davanti a sé. I corsetti slacciati, le gonne corte delle ragazze più che significare indecenza indicavano una semplicità di vita in sintonia col caldo ambiente mediterraneo; e se a fine Ottocento Alan Walters si scandalizzava un po' ad osservare le madri che allattavano in pubblico i loro marmocchi, negli anni Cinquanta del nostro secolo il turismo di massa stravolse completamente la funzione e l'immagine dei luoghi: se precedentemente l'"alta stagione" era considerata quella invernale, quando viaggiatori nordici affollavano gli alberghi per trarre beneficio dal clima marino contro i malanni presi nei rigidi e cupi paesi d'origine, e si evitava il solleone troppo violento dell'estate, che si pensava facesse male alla testa, in tempi moderni si prende a rivalutare "la spiaggia": non più luogo dei pescatori che riparano le reti e armano le loro barche per le uscite a mare, ma nuova sede per socializzare, spogliarsi (degli abiti e dei tabù), cambiare pelle (con l'abbronzatura) e personalità, fare sport acquatici e mostrarsi pronti alle avventure erotiche.

Positano con le sue splendide spiagge (quella grande e quella del Fornillo) ha rappresentato egregiamente queste caratteristiche, senza violenza, tutto come in un gioco ironico, solare, divertente. I "giovani leoni" degli anni Cinquanta qui diventano "leoni al sole" (dal titolo del film di Vittorio Caprioli), passando dalle notti di via Veneto a Roma alle immersioni nel cristallino mare de Li Galli, mentre esotici hippies, pittori, musicisti, mistici costituiscono una colorata comunità di habitués.

La moda positanese nacque dunque per soddisfare le esigenze di ambedue i gruppi: i "vacanzieri" dorati e stravaganti e i sofisticati outsiders. Inizialmente, negli anni Cinquanta e Sessanta, costumi, copricostumi e altri indumenti per il mare proponevano coloratissime fantasie d'ispirazione hawaiana: poi negli anni Settanta furono le garze in tinta unita a dettare la moda. Una comunità di artigiani si infittiva e produceva a ritmo continuo, inverno ed estate, per i clienti che tornavano sempre più spesso a rifarsi il guardaroba per le vacanze. Prezzi stracciati, velocità d'esecuzione e l'uso del puro cotone fecero la fortuna dei sarti di qui, tra cui primeggiava "Maria Lampo", così detta perché nella sua boutique riuscì a fare in un'ora un paio di pantaloni ad un turista americano che la ribattezzo subito: da allora la sua boutique è la più celebre del posto. Alle garze colorate degli anni Sessanta si sono sostituiti di nuovo i tessuti di tela o rasatello in fantasie policrome, anche perché l'abuso dei coloranti in polvere (il famoso Superiride) da parte degli artigiani che coloravano i tessuti in enormi pentoloni prima di tagliare i modelli, provocò un pericoloso inquinamento marino, là dove gli scarichi affluivano sotto costa.

Ora la moda-Positano non indica più trasgressione, hippismo, dolce vita, ma semplicità sportiva e amore per l'ambiente: piante mediterranee sono riprodotte sui pattern esclusivi dei modelli, limoni, aranci, fiori e foglie in luminosissime fantasie che servono ad esaltare l'abbronzatura. E i celebri calzolai, che assieme a quelli di Capri e Sorrento confezionavano le scarpe ai divi del cinema, continuano a fabbricare sandali su misura, nei modelli inconfondibili: "ragno", "fratino", infradito, assieme a zoccoli di legno o sughero e comodissime ciabatte di tela con suola di corda, copiate e rilanciate industrialmente dagli spagnoli ma mai eguagliate.

Galleria Foto

Scegli la lingua

italianoitaliano

englishenglish