Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Primo Piano Furore Il Fiordo di Furore Costa d'Amalfi

I più visitati in Furore

  • Agriturismo Sant'Alfonso

    Immerso tra i profumi delle erbe spontanee ed i colori della macchia mediterranea, l'Agriturismo Sant'Alfonso è l'espressione di un rapporto armonico tra l'uomo e la natura. E' situato lontano dai rumori del traffico, su uno sperone roccioso che, dall'alto,...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Il Fiordo di Furore Costa d'Amalfi

Il Fiordo è l'elemento dominante che segna la struttura del paesaggio costiero. E' una profonda spaccatura della costa rocciosa (i tecnici la definiscono "diaclasi") che si insinua verso l'interno, creando un panorama quasi dolomitico, che sembra contrastare con le acque del mare, le cui onde vanno a infrangersi sul lungo bagnasciuga.

Un tempo questa insenatura ospitava le case dei pescatori e nel XVII secolo vide lo sviluppo delle più antiche forme di attività industriali: cartiere e mulini, alimentati dalle acque del ruscello Schiato che scendeva dai Monti Lattari.

Sul lato orientale è situato l'antico "spandituro", un edificio a pianta rettangolare, utilizzato nel passato come ricovero per la carta appena prodotta e messa ad asciugare.
Attualmente è sede di un Ecomuseo, che presenta un saggio d'erbario ed un percorso storico-geografico sui legumi e cereali.

I due costoni laterali del vallone, alti circa duecento metri, sono segnati da una rete di sentieri. Lungo il "sentiero dei pipistrelli impazziti", a ridosso del fiordo, un percorso botanico offre occasioni di spunti didattici sulla preziosa vegetazione a "macchia mediterranea" locale.
Il borgo dei pescatori, dove è stato tra l'altro girato il film "Amore" di Roberto Rossellini, è anche sede del Museo Costadiva, che consente di immergersi nei colori della Costa Amalfitana, tra i set cinematografici che l'hanno vista protagonista.

Furore Costiera Amalfitana
(Fonte: sito ufficiale regione Campania)

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

eventi

news

  • Ravello Festival 2016

    31 maggio 2016

    PRESENTATA A ROMA LA 64ESIMA EDIZIONE DEL RAVELLO FESTIVAL SI PARTE IL 1°LUGLIO Sul podio direttori d'orchestra come Yuri Temirkanov,...

  • Due secoli di ospitalità!

    21 settembre 2012

    Con l'approsimarsi del duecentesimo anniversario della trasformazione del Convento Francescano, inaugurato nel XIII secolo da...

  • archivio news

Scegli la lingua

italiano

english