Amalfi Coast

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Amalfi Coast

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

italianoitaliano

Home/ La Costiera Amalfitana/Cetara

Villa Lara Amalfi, Lifestyle Luxuru Bed & Breakfast in Amalficoast

Borgo marinaro ed attivo porto peschereccio, Cetara, alle falde del Monte Falesio, si sviluppò a partire dal IX secolo, quando si stanziò in loco una colonia di Saraceni. Partecipò attivamente alle vicende dell'antica Repubblica marinara di Amalfi e, successivamente, per secoli fu sottoposta alla giurisdizione dell'Abbazia Benedettina di Cava de' Tirreni.
Tutta l'economia del borgo ruota attorno alle tradizioni marinare: la flotta cetarese è una delle più attive del Mediterraneo, specializzata nella pesca del tonno e delle alici, nella loro trasformazione e conservazione. Una prelibatezza culinaria da assaporare e riscoperta negli ultimi anni è la colatura di alici, condimento per primi piatti dal colore ambra, prodotto sin dall'antichità e derivato dalla fermentazione delle alici in piccole botti di rovere o castagno (terzigni), discendente del "garum" dei Romani.
Anche il toponimo risente di questo intimo rapporto dei cetaresi con il mare e la pesca. Cetara, infatti, sembra derivi da "cetaria" (tonnara) o da "cetari" (venditori di grossi pesci).

Tra i monumenti di maggior pregio artistico e storico, segnaliamo:
- la Torre Vicereale, che domina il lato est della spiaggia di Cetara, edificata dagli Angioini e potenziata successivamente dagli Aragonesi per difendere la popolazione dai continui attacchi dei pirati. Faceva parte dell'ampio sistema difensivo di torri costiere ed era equipaggiata con cannoni e "petrieri", bocche da fuoco in grado di tirare verso il basso, in caso di attacco ravvicinato o da terra.
- la Chiesa di San Pietro Apostolo, realizzata nel IX secolo in occasione della cacciata dei Saraceni da parte dei normanni salernitani. Ampiamente rimaneggiata nei secoli successivi, attualmente ha un aspetto barocco con campanile medievale (XII secolo) che passa dalla forma quadrangolare dei primi tre ordini ad una forma ottagonale negli ultimi due. All'interno è custodito un antico organo ed una lapide bilingue (in latino ed in arabo) che commemora Grandenetto d'Ausilio, il cetarese protagonista della liberazione del principe Federico d'Aragona, fatto prigioniero dai baroni di Salerno nel 1484.
- la Chiesa ed il Convento di San Francesco, edificati nel XIV secolo. La Chiesa, ad un'unica navata, presenta affreschi e dipinti di gran pregio, come la "Deposizione" del pittore locale Marco Benincasa, nonché una raffigurazione di Suor Orsola Benincasa, fondatrice dell'Ordine delle Suore Teatine dell'Immacolata Concezione, di origine cetarese.
- la Chiesa della Madonna di Costantinopoli, risalente al XIX secolo e parzialmente ricostruita nel 1921 in seguito alla disastrosa alluvione del 1910. Il grazioso campanile è di epoca successiva.

Galleria Video

Cetara

Social

La pagina web di questo paese è stata visitata 135.701 volte.

Scegli la lingua

italianoitaliano

englishenglish