Amalfi Coast

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Amalfi Coast

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

italianoitaliano

Home/ La Costiera Amalfitana/Furore

Villa Lara Amalfi, Lifestyle Luxuru Bed & Breakfast in Amalficoast

Altra gemma della Costa d'Amalfi, Furore prende il nome dal "fragore delle onde che nel piano della sottoposta vallata odonsi mugghiare allorché il mare infuria". E' stato, per la sua particolare conformazione fisico-geografica, una roccaforte inattaccabile anche al tempo delle incursioni saracene. Il fiordo, uno dei più pittoreschi e suggestivi d'Italia, ha da sempre rappresentato un porto naturale nel quale si svolsero fiorenti traffici e si svilupparono le forme più antiche di attività industriali, come cartiere e mulini.
E' noto anche con l'appellativo de "il paese che non c'è", visto che non esiste un vero e proprio abitato e le case spuntano isolate dai costoni di roccia. Singolare è la galleria d'arte en plein air costituita da oltre cento "muri d'autore", murales e sculture che fanno di Furore un "paese dipinto" che si racconta anche in questo modo. Il territorio comunale comprende la zona costiera del fiordo, al confine con Praiano e Conca dei Marini, fino ad un'altitudine di circa 600 metri s.l.m., a ridosso delle montagne di Agerola.
Le prime notizie certe indicano l'abitato di Furore come un semplice casale della Regia città di Amalfi: per tale motivo c'è chi avanza l'ipotesi che ivi dimorassero i fuoriusciti, gli esiliati ed i reietti della società, mandati a vivere lontano dalla città, in un luogo inospitale, scarsamente popolato e privo di terre da coltivare. E' nuovamente menzionato nel catasto carolino del 1752. Negli anni Cinquanta del Novecento Furore fece da cornice all'appassionata e tormentata storia d'amore tra il regista Roberto Rossellini e Anna Magnani.
Ma è l'ambiente, nella sua poderosa ed ostentata bellezza selvaggia, la principale attrattiva di questo "paese-non paese" incorniciato da bellissime le vedute: gli ulivi, le vigne terrazzate sul profilo dei monti, i pergolati dei limoni con le reti tese sui pali, i tetti rossi e le colorate maioliche dei piccoli campanili, i coloratissimi fiori dei rovi selvaggi, e il mare azzurro, sempre presente, laggiù in fondo, nella curva dell'occhio.

Tra i siti di maggior interesse storico, architettonico e naturalistico, segnaliamo:
- la Chiesa di San Giacomo Apostolo (o Santo Jaco), risalente all'XI secolo e realizzata su una preesistente cappella rupestre. All'esterno è affiancata da un bel campanile a più piani sormontato da una cuspide maiolicata. Durante gli ultimi lavori di restauro, negli ambienti sottostanti la navata laterale destra, sono stati riportati alla luce un ciclo di affreschi di scuola giottesca che riproducono scene di vita di Santa Margherita.
- la Chiesa di San Michele Arcangelo, in stile baroccheggiante, anche se molto elementare, è a tre navate con archi acuti retti da colonne senza base e con semplici capitelli;
- la Chiesa di Sant'Elia, risalente al XIII secolo, e realizzata in una zona periferica rispetto alla dislocazione dell'abitato, custodisce all'interno un prezioso trittico ligneo rappresentante la Madonna con i Santi Elia e Bartolomeo (1479) di Angelo Antonello da Capua;
- la Chiesa di Santa Maria;
- l'Eremo di Santa Barbara, sito monastico rupestre dell'Alto Medioevo di cui oggi restano solo alcuni interessanti ruderi, tra cui quelli dell'omonima chiesa, semi-nascosta dalla boscaglia, nei pressi della grotta di Santa Barbara, frequentata (come altre grotte della zona) dai monaci;
- il Fiordo di Furore, profonda spaccatura nella roccia, allo sbocco di un vallone strapiombante a mare, dove si raccolse in passato un minuscolo e caratteristico borgo di pescatori. Tra i pittoreschi monazzeni nacque la tormentata relazione tra Roberto Rossellini e "Nannarella", durante le riprese del film "L'Amore".
Ospita un interessante Ecomuseo costituito da varie sezioni: lo stenditoio, la cartiera-mulino, il ricco erbario ed il Museo Costadiva.
Scavalcato dalla Strada Statale mediante un ponte sospeso alto 30 metri, nella prima domenica di Luglio di svolge qui una tappa del Marmeeting (Campionato Mondiale di Tuffi dalle Grandi Altezze).

Furore

Social

Strutture in Furore

  • La Locanda del Fiordo Furore

    Furore

    La Locanda del Fiordo sorge sul Fiordo di Furore,Sulla Costa d'Amalfi Con discesa al mare privata , Piscina idromassaggio e solarium, e il luogo ideale per una vacanza all'insegna del relax, del mare, ma anche delle escursioni via mare e via terra attraverso...

  • Agriturismo Sant'Alfonso

    Furore

    Immerso tra i profumi delle erbe spontanee ed i colori della macchia mediterranea, l'Agriturismo Sant'Alfonso è l'espressione di un rapporto armonico tra l'uomo e la natura. E' situato lontano dai rumori del traffico, su uno sperone roccioso che, dall'alto,...

La pagina web di questo paese è stata visitata 139.163 volte.

Scegli la lingua

italianoitaliano

englishenglish